headerphoto

Festa del Raccolto. Celebrazione della Terra.


Dal 31 Luglio al 1 Agosto si celebra ancora, in molte zone rurali, la Festa del Raccolto, Lughnasadh per i Celti.
Questa festa avviene nel periodo dell'anno in cui l'Estate è al culmine, la Terra ha già dato il suo massimo e il suo rendimento non potrà che declinare.
La Festa del Raccolto è dunque la massima espressione dell'abbondanza della Terra, dei suoi doni, della capacità di nutrirsi. In questo periodo storico è anche un'importante occasione per pregare, in qualsiasi lingua e attraverso qualsiasi tradizione, e ringraziare la Terra che continua a nutrirci nonostante gli sfruttamenti intensivi a cui la sottoponiamo.
Un momento di riflessione per pensare a un futuro diverso, di maggior rispetto per noi stessi, per gli altri, per la Terra che ci nutre.
La Festa del Raccolto coincideva anticamente per gli Egiziani così come per i Celti, con la levata eliaca della stella Sirio associata a Iside. L'astro garantiva buoni racconti sia fisici che spirituali, attestando lo stretto legame tra spirito e corpo. Le preghiere si rivolgevano all'astro insieme ai sacrifici e alle offerte.
Attraverso invocazioni e rituali l'anima dell'uomo e il suo spirito protendevano verso la grazia degli dèi, verso la parte numinosa che sottilmente convive insieme a quella materiale e che ne è la sua radice.
Consci dello stretto e continuo scambio tra materia e spirito celebriamo questo Raccolto rivolgendo i nostri pensieri, le nostre aspirazioni, le nostre abitudini verso un mondo di maggior rispetto.
La Natura ci insegna che ciò che sogniamo, buono o cattivo che sia, si avvera.
Impariamo a sognare insieme alla Natura, ad unire ad Essa in nostri sogni per continuare a ricevere la grazia e l'abbondanza che Madre Terra, custode e incubatrice della vita, da sempre ci concede.

Buona festa del raccolto!
Elisabeth Mantovani

Ritorna
lug 31, 2016 Categoria: General Postato da: elisa

Elisabeth Mantovani

Elisabeth Mantovani

Astrologa, pittrice, esperta di Arte e Simbolismo
Guida Turistica della Regione Emilia Romagna.


Il mio percorso e le mie
attività.
Mi interesso sin da giovanissima allo studio dei simboli e all’Arte.
Ho iniziato il mio percorso all’interno degli insegnamenti esoterici avvicinandosi all’arte simbolica di fine ottocento, in particolare all’arte visionaria di Blake, al misticismo e al modo di concepire il fare pittorico dei prerafaelliti.

segue>>